SOME SUGGESTIONS

VERONA MEDIEVALE

115 €

Verona medievale


Nel XIV secolo Verona vive una seconda età dell’oro, dopo quasi un millennio dal tempo di Roma. Sotto l’egida della famiglia Della Scala, la città si veste di marmo, si fregia di superbi palazzi e chiese ed espande i propri confini fino a quasi tutto il Nord Italia. Durante l’epoca di governo di Cangrande I, signore illuminato e mecenate di sommi artisti ed intellettuali italiani, la città scaligera si consacra una delle più grandi e temute del tempo, e tra le più fiere protagoniste nello scenario medievale.

La prima parte del tour si svolgerà in bus per un’ appassionata introduzione all’età medievale: dalla costituzione dei regni romano-germanici, al Sacro Romano Impero fino all’Età Comunale, preludio alle Signorie del XIII secolo.
Viaggiando lungo il “Parco delle Mura” avrete una prima idea del maestoso assetto della Verona scaligera. Costeggeremo la Basilica di San Zeno: gioiello del romanico italiano in cui bellezza e imponenza sono una cosa sola. Il complesso della chiesa, ERA sede logistica della diplomazia tra Impero e Papato fin dall’età carolingia.
Proseguendo lungo il fiume, vi troverete innanzi ad uno spettacolo che non dimenticherete: Castelvecchio. La splendida fortezza Trecentesca, imponente eppure elegantissima, è una visione che si crederebbe frutto di fantasia fino a che non la si ha davanti ai propri occhi: l’essenza stessa del leggendario Medioevo nell’immaginario collettivo. Il nostro tragitto proseguirà per ammirare le innumerevoli torri della città medievale: dai campanili delle chiese tra cui spicca quello del Duomo, fiero testimone del passaggio di svariate epoche, fino alla spettacolare torre civica dei Lamberti.

Una volta scesi dal pullman, attraverserete il Ponte Nuovo e il fiume, l’Adige,in epoca medievale l’epicentro del traffici cittadini, dove tutte le merci confluivano: dall’Italia settentrionale, dalla Germania e da Venezia. Immaginando decine di mulini arenati lungo la riva e i vivacissimi mercati sulla terraferma, vi parrà di percepire ancora suoni e colori di un mondo scomparso.
Dal Ponte Nuovo si proseguirà fino ai palazzi scaligeri e vi troverete in quello che è tutt’oggi il cuore di Verona. Piazza Garibaldi, dagli alberi maestosi, è soltanto una piccola parte di quello che nel XIV secolo era l’immenso parco dei Signori situato a ridosso dei palazzi degli Scaligeri.
Di lì inizierete ad esplorare il prodigioso complesso della zona riservata ai Della Scala: il turrito Palazzo di Cansignorio; l’elegantissima loggia che fa capo al medesimo signore; il Palazzo di Cangrande I la cui splendida corte interna si fregia di colonne, dipinti parietali e soffitti lignei finemente decorati.
Dall’assetto di questi palazzi avrete chiara la tipologia architettonica che è tipica, nel medioevo, delle residenze delle famiglie più potenti. Di pianta quadrangolare e munite negli angoli di alte torri, esse diventano vere e proprie fortezze all’interno della stessa città, a tutela dalle incursioni delle famiglie rivali. Non diversa, per quanto meno imponente, è la struttura dell’adiacente casa detta “di Romeo”: una residenza fortificata da ricchi mercanti a tutela delle proprie ricchezze.
L’architettura dei più importanti palazzi del Basso Medioevo ci consegna il chiaro quadro delle vicende politiche del tempo: c’erano solo due fazioni: Guelfi e Ghibellini, il prezzo del cui feroce odio c’è stato testimoniato tanto da Dante nella Divina Commedia quanto da Shakespeare in Romeo e Giulietta, la cui celeberrima vicenda ha luogo proprio nella “Bella Verona” scaligera.
Nascosti ma allo stesso tempo ben visibili in mezzo ai palazzi dei Signori vi appariranno una delle massime conquiste dell’arte medievale italiana: le Arche Scaligere. Adiacenti alla chiesa di Santa Maria Antica, le Arche sono l’area funeraria della famiglia Della Scala. Opere dall’incredibile slancio verticale che culmina in baldacchini piramidali alla cui sommità sono apposte le statue equestri dei relativi signori, queste tombe sono il manifesto politico della famiglia e il simbolo stesso del suo potere. Specchio dell’evoluzione dell’arte gotica nell’arco dell’intero Trecento, le Arche s’ispirano alle sepolture dei più grandi Papi e sovrani dell’età antica per diventare il simbolo del potere imperiale e dell’immortalità dei signori che lo rappresentano.
Ai piedi delle maestose arche di Cangrande, Mastino II e Cansignorio, ne giacciono svariate altre tra cui quella di Bartolomeo: sul suo sarcofago marmoreo si trova l’aquila imperiale a conferma della appartenenza alla fazione ghibellina. Avrete quindi innanzi a voi quanto descritto da Dante Alighieri, illustre ospite dello stesso Bartolomeo I e successivamente di suo fratello Cangrande:

Lo primo tuo refugio e ‘l primo ostello
sarà la cortesia del gran Lombardo
che ‘n su la scala porta il santo uccello
(Paradiso- Canto XVII )

Giunti a Piazza dei Signori, vi troverete nel fulcro del potere veronese al tempo della Signoria: il luogo superbo a cui, non a caso, la famiglia Della Scala ha affidato la rappresentanza della propria autorità. Vedrete la statua di Dante che campeggia al centro della piazza, a riprova del legame inscindibile del sommo poeta con la città di Verona. Sarete stupefatti nel pensare che, proprio dove vi trovate, il “ghibellin fuggiasco” scrisse parti di questo capolavoro della letteratura italiana. L’opera letteraria forse più famosa di tutti i tempi, la cui terza cantica è dedicata per intero a Cangrande della Scala: impavido guerriero e conquistatore; uomo sensibile alla povertà della parte meno fortunata dei propri concittadini; sovrano illuminato e mecenate di artisti tra cui spiccano i nomi dello stesso Dante e di Giotto.
Per raggiungere Piazza Erbe – il cuore della vita cittadina ed altro centro vitale del mercato medievale – si passerà sotto il suggestivo quanto poco noto “volto barbaro”: il luogo in cui ha avuto luogo l’efferato assassinio di Mastino I. La reazione di suo fratello Alberto, che da allora s’investì del titolo di Signore della città, fa di questo stretto passaggio il luogo che cambia la storia di Verona trasformandola da Libero Comune a quella che sarebbe divenuta, nel secolo successivo, una delle più gloriose signorie italiane.
Dopo la visita al cortile della casa di Giulietta, arriverete Piazza Brà.
La famosa Arena in età medievale venne utilizzata per esecuzioni capitali ed altri spettacoli cruenti. Castelvecchio sarà il degno finale di questo itinerario.
Lo stupefacente ponte merlato sul fiume, il complesso di torri e l’imponente mastio di vedetta, fanno di Castelvecchio non soltanto un emblema del periodo medievale, ma la possibilità stessa di riviverlo nel presente poiché restituito integralmente nel suo splendore e magniloquenza.
Attraverserete il Ponte che in epoca scaligera era il più lungo di tutta Europa. A metà tra due mondi, il castello scaligero ci parla ancora oggi di una Verona al centro di battaglie, scomuniche, intrighi di successione, amori e conquiste.
Passeggiando lungo quello che è un ponte sospeso sul Tempo, ripercorrerete le orme di personaggi entrati nella leggenda… per aver scritto la Storia: seguiteci in quest’affascinante viaggio per diventarne parte voi stessi.



PRINCIPALI LUOGHI D'INTERESSE






INFORMAZIONI PRATICHE



TIPOLOGIA ITINERARIO

DURATA MASSIMA: 2 ore e mezza

MEZZI: percorso da effettuarsi con bus privato o auto dei clienti. L'itinerario ha inizio in bus/auto e dopo circa 20 minuti si raggiunge il punto oltre il quale si prosegue a piedi, per terminare in Piazza Brà.

ADATTO A: gruppi, famiglie, scuole, persone con disabilità*

*Potranno esserci dei passaggi non perfettamente pianeggianti come anche qualche gradino.

COSTI AGGIUNTIVI

Non è previsto alcun ingresso a pagamento.

PARCHEGGI

BUS TURISTICI: tutte le informazioni sono reperibili sul sito www.amt.it

AUTO: Parcheggio Arena, Parcheggio Cittadella, Parcheggio Isolo, Parcheggio Centro.

Tutti i parcheggi sono a 10-15 minuti a piedi dall’Arena (Piazza Brà).

LINGUE DISPONIBILI

QUESTO ITINERARIO È DISPONIBILE IN: italiano, inglese, tedesco, francese, spagnolo, russo, rumeno, finlandese, turco, giapponese, portoghese. Chiedi espressamente la lingua a cui sei interessato.

COME ESTENDERE LA VOSTRA VISITA

PER COMPLETARE LA GIORNATA: Chiesa di S. Fermo, Chiesa di S. Anastasia, Museo di Castelvecchio.

PER CHI PUÒ CONCEDERSI UN GIORNO DI VISITA IN PIÙ: Lago di Garda, Soave, Valpolicella, la Strada del Riso.


Sono sempre possibili variazioni di itinerario in caso di effettiva necessità.

ASSOGUIDE non è responsabile di eventuali variazioni dell’orario di ingresso ai diversi monumenti.

Verifica la tariffa effettiva sulla base delle tue esigenze specifiche alla pagina TARIFFE.


PRENOTA IL TOUR


Please select a service:

Our schedule for Maggio 2017

Click a free day to apply for an appointment.
 
MoTuWeThFrSaSu

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

 
MoTuWeThFrSaSu
01/05/2017
9:00
9:30
10:00
10:30
11:00
11:30
12:00
12:30
13:00
13:30
14:00
14:30
15:00
15:30
16:00
16:30
17:00
17:30
18:00
18:30

Please check the appointment details below and confirm:

Nel caso in cui la data di vostro interesse non fosse disponibile inviate una mail e faremo il possibile per aiutarvi.


ANCORA DUBBI? SCRIVICI


Se non hai trovato un itinerario che ti soddisfi… contattaci… faremo il possibile per accontentarti.